heartbz: (Default)
Non riesco a finire ciò che ho iniziato. E non è sempre è colpa mia. Infatti sto riscrivendo questo post per la seconda volta perché giusto cinque minuti fa Firefox mi ha crashato cancellando ciò che avevo scritto. Grazie, vita. Non sei già abbastanza raminga di tuo.

Crash e inconclusività a parte, ho deciso di postare alcuni spezzoni di ciò che sto scrivendo o che pianifico di scrivere. Ho pensato che, magari, mi avrebbe spinto a continuare a scrivere. Non so, non penso che funzionerà, ma tanto vale provare.

Al momento in piano ho una Salec, il prossimo capitolo della Heronbane incentrato sul mio bellissimo Woolsey, e poi una possibile rivisitazione di una delle mie vecchie Sterek. Non so, vorrei concluderla. Non penso che ci riuscirò, ma, ancora, tanto vale provare. Ora come ora ho solo alcuni spezzoni da lasciarvi. Magari catturo l'attenzione di qualcuno.

LOL.

L'unica che ho intenzione di pubblicare qui è la bozza della Salec. Verrà sicuramente controllata e riscritta prima di essere pubblicata, ma siamo già alla quinta riscrittura, quindi tanto vale pubblicare almeno un spezzone. A questo punto mi domando se verrà mai pubblicata. Ma fa niente. La lascio qui. Così, per darmi forza.

PAROLA DI SCOUT (ANGELICO)
Alec Lightwood/Simon Lewis
18+, oneshot




heartbz: (Default)
Autrice: heartbreakerz.
Fandom: Shadowhunters (crossover tra TMI e TID).
Coppia: Magnus/Will (principale + altre).
Tag: AU, angst, slash, het, drammatico, 18+.
Writer's Wing link: (xxx)
EFP link: (xxx)
Titolo: I pick my poison and it’s you.
Capitolo: 4/?.
Trama:Aveva sopportato tante perdite, Magnus. Eppure vedere William chiudersi la porta alle spalle era ciò che l’aveva distrutto più nel profondo. Sembrava che qualcuno gli avesse strappato il cuore e l’avesse fatto a pezzi. Solo per poi ricostruirlo come un vecchio puzzle e rimetterlo al suo posto con qualche pezzo mancante. Era un dolore così forte, così violento, che gl’impedì di rialzarsi dal pavimento.
Rimase lì, allora. Aspettò che il suo respiro si calmasse ed il dolore si affievolisse. Poi sollevò la testa. La sentiva pesante, come se si fosse appena svegliato da una sbronza colossale.
L’avrebbe preferito.
Avrebbe preferito sentire la voce arrochita di Will sgridarlo con quel tono dolce ed ancora assonnato, e sentirsi scuotere e buttare giù dal letto per andare a fare colazione. Avrebbe preferito sentire Will muoversi al suo fianco, vederlo sollevare i suoi splendidi occhi blu su di lui, sentirlo sussurrare: «Sei un disastro», con quel sorriso sulle labbra, accompagnato da una leggera carezza e da un bacio delicato.
Ma niente di tutto quello era successo. Niente di tutto quello sarebbe successo ancora. Il loro passato, la loro vita insieme parevano essere arrivati alla loro conclusione
.


Pensavo non avrei mai aggiornato. Ci ho messo secoli a scrivere questo capitolo, ma finalmente è qui, tutto bello e pubblicato, probabilmente con un gran numero di errorotti banali perché se solo l'avessi ricontrollato avrei cancellato tutto. : D La vita bisogna prenderla come viene.

Per quanto riguarda il capitolo, spero vi sia piaciuto! Ci sono alcune cose rimaste in sospeso, ma verranno chiarite nei prossimi capitoli. E se qualcuno volesse sclerare per il threesome Camille/Magnus/Woolsey, vi prego, venite da me perché non riesco a smettere di piangerci sopra. Sto pure progettando un piccolo flashback, quindi stay tuned!

Ultime due cosucce: primo, io Jordan me lo sono sempre immaginato così . Per quanto riguarda la sua voce, invece, la mia amica @ shawniejs l'ha sempre collegato alla voce di James Bay, e io lo trovo abbastanza calzante. (Parte del personaggio è preso dalla visione che shawniejs ha di Jordan, quindi le devo dare credito.) E voi, invece? Come ve lo immaginate?

Per secondo, invece, mi vedo costretta a dire che Woolsey è quasi completamente di mia creazione perché di lui si sa sfortunatamente pochissimo. Lo stesso vale per altri personaggi come Ralf e anche Camille. Io cerco di rispettare i canoni della Clare, ma questi personaggi sono praticamente inesistenti nelle opere e quindi mi tocca campare di headcanon. E ne ho fin troppi, LOL, ammazzatemi.

Ora vi lascio! Fatemi sapere se vi è piaciuto il capitolo, se ci sono errori o se vi sembra che manchi qualcosa. Oppure qualche complimento va bene uguale, anzi ahaha

A presto,
heartbreakerz



I pick my poison and it's you, cap IV )
heartbz: (Default)
Autrice: heartbreakerz.
Fandom: Shadowhunters.
Personaggi: Magnus Bane, Catarina Loss, Ragnor Fell.
Tag: missing moment, fluff.
Writer's Wing link: (xxx)
EFP link: (xxx)
Titolo: What really happened in Perù.
Dal testo: La porta della stanza era socchiusa, e grazie ad un piccolo spiraglio di luce Magnus riuscì a vedere le forme di due corpi, uno voltato su un fianco e l’altro steso con la pancia all’insù; uno verde e l’altro blu. La mano di Catarina era tesa verso quella di Ragnor, e le punte delle loro dita si sfioravano come carezze spezzate.
  Il solito, pensò Magnus.
  Catarina e Ragnor erano abbastanza vicini da fargli credere che si fossero addormentati sussurrando. I loro corpi si erano cercati nel sonno, ma anche nel sonno non si erano mai uniti.

ATTENZIONE: Possibile spoiler per la cronaca #1 delle Cronache di Magnus Bane.

Qualche mese fa ho scritto questo piccolo flashback per un GDR in cui interpreto Magnus. Ieri, nel sistemare un po' il profilo, l'ho ritrovato e ho pensato che, nonostante tutto, fosse uno scritto abbastanza curato e completo. Quindi ho pensato di pubblicarlo!

E' solo un mio piccolo headcanon sul passato di Magnus, sull'idea che ha lui della famiglia, e sul legame che ha con Ragnor e Catarina. Spero che piaccia anche a voi, tanto quanto a me è piaciuto scriverlo!

«What really happened in Perù», oneshot )

heartbz: (Default)

Autrice: heartbreakerz.
Fandom: Shadowhunters (crossover tra TMI e TID).
Coppia: Magnus/Will (principale + altre).
Tag: AU, angst, slash, het, drammatico, 18+.
Writer's Wing link: (xxx)
EFP link: (xxx)
Titolo: I pick my poison and it’s you.
Capitolo: 3/?.
Trama:Aveva sopportato tante perdite, Magnus. Eppure vedere William chiudersi la porta alle spalle era ciò che l’aveva distrutto più nel profondo. Sembrava che qualcuno gli avesse strappato il cuore e l’avesse fatto a pezzi. Solo per poi ricostruirlo come un vecchio puzzle e rimetterlo al suo posto con qualche pezzo mancante. Era un dolore così forte, così violento, che gl’impedì di rialzarsi dal pavimento.
Rimase lì, allora. Aspettò che il suo respiro si calmasse ed il dolore si affievolisse. Poi sollevò la testa. La sentiva pesante, come se si fosse appena svegliato da una sbronza colossale.
L’avrebbe preferito.
Avrebbe preferito sentire la voce arrochita di Will sgridarlo con quel tono dolce ed ancora assonnato, e sentirsi scuotere e buttare giù dal letto per andare a fare colazione. Avrebbe preferito sentire Will muoversi al suo fianco, vederlo sollevare i suoi splendidi occhi blu su di lui, sentirlo sussurrare: «Sei un disastro», con quel sorriso sulle labbra, accompagnato da una leggera carezza e da un bacio delicato.
Ma niente di tutto quello era successo. Niente di tutto quello sarebbe successo ancora. Il loro passato, la loro vita insieme parevano essere arrivati alla loro conclusione
.


Terzo capitolo, finalmente! È stato un parto. Ancora non mi convince del tutto ma non importa, ho deciso che pubblicherò comunque e che, al massimo, lo sistemerò più avanti. La storia, dopottutto, deve continuare!
Per chi fosse interessato, vi lascio anche alcune foto dei personaggi per farvi sapere come me li immagino io: Magnus Bane | Will Herondale | Camille Belcourt | Tessa Gray | Raphael Santiago | Woolsey Scott | Ralf Scott. Quelli che mancano verranno sicurmaente inseriti poi. Voi come ve li immaginate?
Vi lascio al capitolo!

DISCLAIMER: La maggior parte dei luoghi e dei personaggi sono presi dalla saga The Mortal Instruments della signora Clare, quindi non m'appartengono. Così come le citazioni e le canzoni che potete trovare all'inizio dei vari capitoli (in questo caso, quando possibile, verranno citati gli autori). Il titolo della storia è ispirato all’omonima canzone di Rita Ora, su cui il testo è parzialmente basato.

«I pick my poison and it's you», cap III )
heartbz: (Default)
Autrice: heartbreakerz.
Fandom: Shadowhunters (crossover tra TMI e TID).
Coppia: Magnus/Will (principale + altre).
Tag: AU, angst, slash, het, drammatico, 18+.
Writer's Wing link: (xxx)
EFP link: (xxx)
Titolo: I pick my poison and it’s you.
Capitolo: 2/?.
Trama:Aveva sopportato tante perdite, Magnus. Eppure vedere William chiudersi la porta alle spalle era ciò che l’aveva distrutto più nel profondo. Sembrava che qualcuno gli avesse strappato il cuore e l’avesse fatto a pezzi. Solo per poi ricostruirlo come un vecchio puzzle e rimetterlo al suo posto con qualche pezzo mancante. Era un dolore così forte, così violento, che gl’impedì di rialzarsi dal pavimento.
Rimase lì, allora. Aspettò che il suo respiro si calmasse ed il dolore si affievolisse. Poi sollevò la testa. La sentiva pesante, come se si fosse appena svegliato da una sbronza colossale.
L’avrebbe preferito.
Avrebbe preferito sentire la voce arrochita di Will sgridarlo con quel tono dolce ed ancora assonnato, e sentirsi scuotere e buttare giù dal letto per andare a fare colazione. Avrebbe preferito sentire Will muoversi al suo fianco, vederlo sollevare i suoi splendidi occhi blu su di lui, sentirlo sussurrare: «Sei un disastro», con quel sorriso sulle labbra, accompagnato da una leggera carezza e da un bacio delicato.
Ma niente di tutto quello era successo. Niente di tutto quello sarebbe successo ancora. Il loro passato, la loro vita insieme parevano essere arrivati alla loro conclusione
.

In questo capitolo vengono presentati Raphael, Camille e Tessa! Spero che vi piaccia. (':

DISCLAIMER: La maggior parte dei luoghi e dei personaggi sono presi dalla saga The Mortal Instruments della signora Clare, quindi non m'appartengono. Così come le citazioni e le canzoni che potete trovare all'inizio dei vari capitoli (in questo caso, quando possibile, verranno citati gli autori). Il titolo della storia è ispirato all’omonima canzone di Rita Ora, su cui il testo è parzialmente basato.



«I pick my poison and it's you», cap II )
heartbz: (pic#10915704)

Autrice: heartbreakerz.
Fandom: Shadowhunters (crossover tra TMI e TID).
Coppia: Magnus/Will (principale + altre).
Tag: AU, angst, slash, het, drammatico, 18+.
EFP link: (xxx)
Titolo: I pick my poison and it’s you.
Capitolo: 1/?.
Trama:Aveva sopportato tante perdite, Magnus. Eppure vedere William chiudersi la porta alle spalle era ciò che l’aveva distrutto più nel profondo. Sembrava che qualcuno gli avesse strappato il cuore e l’avesse fatto a pezzi. Solo per poi ricostruirlo come un vecchio puzzle e rimetterlo al suo posto con qualche pezzo mancante. Era un dolore così forte, così violento, che gl’impedì di rialzarsi dal pavimento.
Rimase lì, allora. Aspettò che il suo respiro si calmasse ed il dolore si affievolisse. Poi sollevò la testa. La sentiva pesante, come se si fosse appena svegliato da una sbronza colossale.
L’avrebbe preferito.
Avrebbe preferito sentire la voce arrochita di Will sgridarlo con quel tono dolce ed ancora assonnato, e sentirsi scuotere e buttare giù dal letto per andare a fare colazione. Avrebbe preferito sentire Will muoversi al suo fianco, vederlo sollevare i suoi splendidi occhi blu su di lui, sentirlo sussurrare: «Sei un disastro», con quel sorriso sulle labbra, accompagnato da una leggera carezza e da un bacio delicato.
Ma niente di tutto quello era successo. Niente di tutto quello sarebbe successo ancora. Il loro passato, la loro vita insieme parevano essere arrivati alla loro conclusione
.

Salve a tutti! Questa è la prima Heronbane che oso scrivere. Non solo ci tengo particolarmente per via della coppia, che io amo alla follia, ma anche per l’argomento trattato e tutta l’atttenzione che ho messo nella creazione della trama e nella caratterizzazione dei personaggi. Ho cercato – e cercherò – di fare del mio meglio, ma per il momento... buona lettura!

DISCLAIMER: La maggior parte dei luoghi e dei personaggi sono presi dalla saga The Mortal Instruments della signora Clare, quindi non m'appartengono. Così come le citazioni e le canzoni che potete trovare all'inizio dei vari capitoli (in questo caso, quando possibile, verranno citati gli autori). Il titolo della storia è ispirato all’omonima canzone di Rita Ora, su cui il testo è parzialmente basato.


«I pick my poison and it's you», capitolo I )
heartbz: (Default)

Numero totale di storie: 5 pubblicate, un paio non pubblicate.
Storie terminate
: 4.

Storia più lunga
: I pick my poison and it’s you (WIP).
Storia più corta: The sweetest of love (has the bitterest taste).
Fandom
: Shadowhunters, Yuri on Ice!!!, Originali.

Pensieri generali

In generale, hai scritto più storie di quanto potessi pensare, di meno, o hai scritto esattamente ciò che avevi in mente? In realtà credo di averne scritte di meno. Solitamente, lo ammetto, scrivo molto di più, ma quest'anno mi sono lasciata distrarre da mille altre cose. Spero di poter rimediare, anche solo per poter riprendere in mano il mio stile che ultimamente mi sta sfuggendo di mano.
In che genere/coppia/fandom hai scritto che non ti saresti mai aspettato di fare?
Sicuramente non mi sarei mai aspettata di poter scrivere una fanfiction originale! Invece quest'anno ho avuto una nuova idea (proprio negli ultimi giorni dell'anno, eh), e fortunatamente sono riuscita a scrivere qualcosa.
Qual è la tua storia preferita dell’anno? Non la più popolare, ma quella che ti rende più felice?
Non saprei. Sia I pick my poison and it’s you che Amami ad occhi chiusi sono storie che mi rendono proprio felice. Mi sembra di essere riuscita a prendere bene i personaggi, e soprattutto mi è piaciuto affrontare questi argomenti che solitamente non vedo in giro! Le coppie, anche, sono due delle mie preferite, quindi insomma.
Hai avuto il coraggio di rischiare, quest’anno? Cos’hai fatto e cos’hai imparato?
Yess! Tanto per cominciare ho scritto una fic in inglese. È corta, ma ne vado davvero fiera. Poi ho provato con le originali e non mi sono trovata così male come pensavo. E ho smesso di fregarmi delle recensioni, il che è già un passo avanti.

Pensieri specifici

Storia migliore dell’anno: Uhm... Probabilmente Amami ad occhi chiusi perché è l’unica completa.
Storia più popolare di quest’anno: Difficile da dire visto che sono poco popolare in generale AHAHAH forse I don’t need you, I just need it.
Storia più divertente da scrivere: Non saprei, mi sono divertita con tutte!
Storia con il particolare più sexy: Howling desire, perché ho una passione esagerata per i dom che stanno sotto.
La storia che ti ha fatto pensare “Cristo santo, questo è troppo anche per me”
: Nessuna. Non sono arrivata al mio full blossom totale, ancora AHAHAH.
Storia che mi ha fatto cambiare idea su un personaggio
: I don’t need you, I just need it. Mi ha fatto apprezzare un po’ di più Alec.
Storia più difficile da scrivere
: Quasi sicurmaente The sweetest of love (has the bitterest taste). Mi è difficile entrare nella mentalità di Jem, ma forse questa non è andata troppo male.
Peggiore delusione:
Nessuna. Sono abbastanza fiera di me.
Miglior sorpresa
: Sicuramente I don’t need you, I just need it! Non avrei mai pensato di scrivere sulla Alec/Simon.
Numero di fanfiction che hai scritto, lasciato a metà, mai postato
: ... troppe.

Pensieri sul futuro

Vorresti riscrivere qualche storia? Sì, mi piacerebbe tantissimo sistemare Di torture e tradimenti, e se possibile completarla. E poi voglio assolutamente sistemare La poesia dei Cacciatori e terminarla.
Hai qualche obiettivo per quest’anno?
Completare almeno qualcosa, e se possibile concludere le vecchie fanfiction.

Teaser – work in progress

La poesia dei cacciatori

   “«Ti amo.» Fu un sussurro. Michael non lo sentì nemmeno.
   E poi.
   Poi la sua voce si fece più forte.

   «Ti amo, Michael.» E Michael si voltò su un fianco e lo guardò negli occhi. Silenzio. Fu un silenzio infinito.
   Poi la vide nel profondo del suo sguardo, nella linea delle sue labbra, nei suoi lineamenti duri; vide una tenera dolcezza fiorire di nuovo nel suo volto, quella stessa dolcezza che aveva spazzato via anni ed anni prima. Che lui, Robert, aveva spazzato via.
   E, mentre Michael si illuminava, Robert sentì il cuore tornare al suo posto. In alto, a sinistra, nascosto dentro la cassa toracica. Batteva forte e chiaro. Vivo.
   Il silenzio si ruppe.
   «Ripetilo. Per favore.»
   Non se lo fece dire due volte. «Ti amo.» Era più semplice dirglielo mentre lo guardava negli occhi.
   «Ancora.» Michael sembrava non averne mai abbastanza.
   E quella sera Robert lo ripeté infinte volte e ancora di più. Non seppe quanto andarono avanti, con i «Ti amo» di Robert e gli «Ancora» di Michael. Si accorsero a stento dei flebili raggi argentei che lasciavano spazio a raggi più luminosi, più caldi, delle voci che diventavano pian piano più basse e delle loro palpebre sempre più pesanti.
   «Ti amo.»
   Non si toccavano. Si guardavano e basta. Il loro mondo era rinchiuso in quella stanza e c’erano solo loro, Michael e Robert, Robert e Michael. E nessuno che poteva disturbarli.
   «Dillo ancora.»
   E lo fece. Lo fece ancora ed ancora, fino a che entrambi non crollarono lì, su quel letto troppo grande, completamente vestiti e sazi di sguardi e parole.

*

   Il giorno dopo si alzarono. Le voci rauche ed i cuori più leggeri.
   Si separarono, come tutti i giorni. Ognuno per la sua strada, senza guardarsi negli occhi.
   Quel giorno fu quasi sopportabile.”

I pick my poison and it’s you

   “Ridacchiando, bussò alla porta. «Bellezza?» domandò. Dopo un attimo di silenzio, Magnus sentì il ticchettio di un paio di tacchi farsi sempre più vicino. La chiave girò nella toppa e uno scricchiolio accompagnò l’apertura della porta. Un giovane donna, avvolta da una vestaglia di seta rossa, stretta sotto al seno da una striscia di raso bordeaux, si mostrò con movimenti lenti e calcolati. Teneva gli occhi abbassati, quasi con timidezza, ma le labbra rosse e carnose, piegate in un broncio invitante, la tradivano. L’ingenuità che cercava di trasmettere era oscurata dall’aura sensuale che l’avvolgeva. Il suo intero corpo pareva creato per attirare l’attenzione: la pelle bianca, quasi traslucida, mostrava arabeschi di vene che scendevano lungo il suo collo, il suo petto, e creavano sentieri morbidi e invidiabili. Scomparivano e ricomparivano dietro alle ciocche di capelli biondi che a ogni movimento le accarezzavano il petto, correndo a nascondersi sotto la sua veste, tra i suoi seni, fin troppo esposti dalla vestaglia succinta. Per quanto Magnus tentasse, qualsiasi cosa lo invogliava a rivolgere lo sguardo proprio a quelle curve gonfie e sinuose; a partire dal medaglione di bronzo che le decorava il collo, di una strana forma ovoidale, che s’incastrava perfettamente con l’incavo dei suoi seni, a finire con le dita di Camille che, attente, ci giocavano, ruotandolo, tirando piano la cordella, nel testardo tentativo di distrarre Magnus ancora una volta.
   Era un gioco che facevano spesso, quello. E puntualmente Magnus perdeva.
   [...] «Non mi sarei mai aspettata di vederti qui,
micetto» disse lei, la voce bassa e roca, come un leggero ringhio proveniente dal fondo della gola. Sembrava facesse le fusa.
   «Non mi mentire, mia cara» le disse Magnus, avvicinandosi a lei di un passo. Erano così vicini che ad ogni respiro i loro petti strusciavano l’uno sull’altro. «Sono sicuro che tu mi stessi aspettando.»”

heartbz: (blue)
Autrice: heartbreakerz.
Fandom: Shadowhunters (TMI).
Coppia: Michael/Robert (principale, + altre extra).
Tag: AU, angst, slash, het, violenza, 18+.
EFP link: (xxx)
Titolo: La poesia dei cacciatori.
Capitolo: 3/?.
Trama: Michael Wayland, giovane cacciatore, si ritrova all’interno del Circolo. All’inizio è felice: felice dei nuovi amici, dei nuovi compagni. Per la prima volta, la sua vita è molto più semplice: non è più solo. Pian piano però cresce, ed i segreti vengono a galla. Michael scopre che la verità a cui ha cominciato a credere è forse solo un’altra bugia. E presto si ritroverà davanti ad un bivio: qual è la strada giusta? Chi sono i buoni, chi sono i cattivi? Ma Michael non è solo, anche se crede di esserlo. Qualcuno lo accompagnerà verso il suo destino. Perché nella battaglia per il bene non si è mai soli.
La storia del Circolo di Raziel, dalla sua fondazione alla sua distruzione.



Eccomi qua, ancora, ad aggiornare questa fan fiction! È passato un po’ di tempo dall’ultimo aggiornamento, ma, sinceramente, non ho avuto modo di terminare prima, e questo per vari motivi. Primo tra tutti, la storia non mi convinceva. Ho avuto qualche periodo in cui non sapevo come andare avanti, perché il mio stile di scrittura semplicemente non s’adattava. Spero che con questo stile qui, leggermente diverso, più approfondito, la situazioni migliori.

Vorrei ringraziare tutti quelli che hanno intenzione di seguirmi ancora e tutti quelli che hanno commentato o messo la storia tra le preferite! Grazie mille. Vorrei inoltre ringraziare la mia @R o a r _ perché s’è presa la briga di sopportare i miei scleri su come “no, non va abbastanza bene, manca qualcosa!!!” e mi ha corretto il capitolo, facendomi notate che Jocelyn compariva ovunque ma proprio ovunque (che poi nemmeno la sopporto…). Quindi, nulla. Ho finito con gli sproloqui! Vi lascio al capitolo. Spero che vi piaccia!

DISCLAIMER: La maggior parte dei luoghi e dei personaggi sono presi dalla saga The Mortal Instruments della signora Clare, quindi non m'appartengono. Così come le citazioni e le canzoni che potete trovare all'inizio dei vari capitoli (in questo caso, quando possibile, verranno citati gli autori).


La poesia dei cacciatori, capitolo 3: Quello in cui le cose sembrano andare bene )

heartbz: (blue)
Autrice: heartbreakerz.
Fandom: Shadowhunters (TMI).
Coppia: Michael/Robert (principale, + altre extra).
Tag: AU, angst, slash, het, violenza, 18+.
EFP link: (xxx)
Titolo: La poesia dei cacciatori.
Capitolo: 2/?.
Trama: Michael Wayland, giovane cacciatore, si ritrova all’interno del Circolo. All’inizio è felice: felice dei nuovi amici, dei nuovi compagni. Per la prima volta, la sua vita è molto più semplice: non è più solo. Pian piano però cresce, ed i segreti vengono a galla. Michael scopre che la verità a cui ha cominciato a credere è forse solo un’altra bugia. E presto si ritroverà davanti ad un bivio: qual è la strada giusta? Chi sono i buoni, chi sono i cattivi? Ma Michael non è solo, anche se crede di esserlo. Qualcuno lo accompagnerà verso il suo destino. Perché nella battaglia per il bene non si è mai soli.
La storia del Circolo di Raziel, dalla sua fondazione alla sua distruzione.




Ecco qua il secondo capitolo, in cui si presentano alcuni nuovi personaggi! Due o tre diventeranno particolarmente importanti nel lungo andare della storia, quindi, be', attenzione! E Michael si rivela per la persona giocosa e divertente che penso sia. Ovviamente, il personaggio è quasi completamente inventato in questa fic. Le poche cose che sappiamo sulla sua personalità le abbiamo imparate nella nona cronaca e da qualche fan art della CassandraJP, quindi, be', sto andando un po' alla cieca. Ma contando com'è Robert, immagino che Michael dovesse essere diverso, se non del tutto almeno quasi. Quindi ecco su cosa mi sto basando.
Spero che la storia vi piaccia. (:

DISCLAIMER: La maggior parte dei luoghi e dei personaggi sono presi dalla saga The Mortal Instruments della signora Clare, quindi non m'appartengono. Così come le citazioni e le canzoni che potete trovare all'inizio dei vari capitoli (in questo caso, quando possibile, verranno citati gli autori).


La poesia dei cacciatori, capitolo 2. Quello in cui la vita gli sorride. )

heartbz: (blue)

Autrice: heartbreakerz.
Fandom: Shadowhunters (TMI).
Coppia: Michael/Robert (principale, + altre extra).
Tag: AU, angst, slash, het, violenza, 18+.
EFP link: (xxx)
Titolo: La poesia dei cacciatori.
Capitolo: 1/?.
Trama: Michael Wayland, giovane cacciatore, si ritrova all’interno del Circolo. All’inizio è felice: felice dei nuovi amici, dei nuovi compagni. Per la prima volta, la sua vita è molto più semplice: non è più solo. Pian piano però cresce, ed i segreti vengono a galla. Michael scopre che la verità a cui ha cominciato a credere è forse solo un’altra bugia. E presto si ritroverà davanti ad un bivio: qual è la strada giusta? Chi sono i buoni, chi sono i cattivi? Ma Michael non è solo, anche se crede di esserlo. Qualcuno lo accompagnerà verso il suo destino. Perché nella battaglia per il bene non si è mai soli.
La storia del Circolo di Raziel, dalla sua fondazione alla sua distruzione.



Ecco il primo capitolo di quella che si preannuncia una luuuuunga saga. “La poesia dei cacciatori” è solo la prima fanfiction di molte. A dire il vero, c'è già una long in via di programmazione che la seguirà e sarà quasi sicuramente Malec/Waywood in parti uguali. E poi ci saranno vari set di fanfiction, principalmente what if?, missing moment e crack pairing. Spero che le mie idee vadano a buon fine.
Comunque, presto molte cose verranno chiarite... oppure no, lol. (8

DISCLAIMER: La maggior parte dei luoghi e dei personaggi sono presi dalla saga The Mortal Instruments della signora Clare, quindi non m'appartengono. Così come le citazioni e le canzoni che potete trovare all'inizio dei vari capitoli (in questo caso, quando possibile, verranno citati gli autori).


La poesia dei cacciatori, capitolo 1. Quello in cui viene accettato. )

heartbz: (blue)
♚ The Avengers
xxx )

♚ Kuroko no Basket.
xxx )

♚ Shadowhunters.
xxx )

♚ Teen Wolf.
xxx )

♚ X-Men.
xxx )
heartbz: (blue)

Autrice: heartbreakerz.
Fandom: Shadowhunters (TID).
Coppia: // (accenno alla Jem/Tessa/Will).
Tag: AU, death, dark, angst, (forse OOC).
EFP link: //
Titolo: Los últimos momentos.
Lingua: Spagnolo.
Capitolo: 1/1.
Dal testo: La calle era silenciosa. Tanto silenciosa que el Magister podía oír el ruido de sus propios pasos sobre la capa de cuerpos y detritos que cubría el suelo. Él no se paró para mirar las caras de todos aquellos hombres muertos luchando por sus vidas y las de sus familias. En cambio, siguió adelante, mirando a toda la destrucción que él había creado con sus automatones.





In classe mi era stato chiesto di scrivere una storia ispirata al Der Wanderer über dem Nebelmeer di Caspar David Friedrich, e, ovviamente, non ho potuto fare a meno di pensare a E se quelle nuvole non fossero davvero nuvole? E se le rocce non fossero davvero rocce? Dove aver ricevuto il via libera dal prof di spagnolo, ho riarrangiato un po' il finale di The Infernal Devices, e questo è ciò che è saltato fuori.
E' una storia molto corta, e non sono ancora sicura di aver compreso come funziona la punteggiatura in spagnolo, quindi alcuni punti potrebbero essere un po' "all'italiana", diciamo (proprio per non dire "sbagliati", ahahah).
E, niente, vi lascio alla lettura!


Los últimos momentos )

heartbz: (blue)

Ecco qua un estratto da una fanfiction Michael/Robert (Waywood) che sto scrivendo al momento. E' presa da un capitolo che arriverà probabilmente molto più avanti. Diciamo che l'ho scritto solo perché avevo bisogno di un po' di fluff, lol.

Comunque, ecco qua:


              «Ti amo.» Fu un sussurro. Michael non lo sentì nemmeno.

E poi.

Poi la sua voce si fece più forte.

«Ti amo, Michael.» E Michael si voltò su un fianco e lo guardò negli occhi.
Silenzio. Fu un silenzio infinito.

Poi la vide nel profondo del suo sguardo, nella linea delle sue labbra, nei suoi lineamenti duri; vide una tenera dolcezza fiorire di nuovo nel suo volto, quella stessa dolcezza che aveva spazzato via anni ed anni prima. Che lui, Robert, aveva spazzato via.

E, mentre Michael si illuminava, Robert sentì il cuore tornare al suo posto. In alto, a sinistra, nascosto dentro la cassa toracica. Batteva forte e chiaro. Vivo.

Il silenzio si ruppe.

«Ripetilo. Per favore.»

Non se lo fece dire due volte. «Ti amo.» Era più semplice dirglielo mentre lo guardava negli occhi.

«Ancora.» Michael sembrava non averne mai abbastanza.

E quella sera Robert lo ripeté infinte volte e ancora di più. Non seppe quanto andarono avanti, con i «Ti amo» di Robert e gli «Ancora» di Michael. Si accorsero a stento dei flebili raggi argentei che lasciavano spazio a raggi più luminosi, più caldi, delle voci che diventavano pian piano più basse e delle loro palpebre sempre più pesanti.

«Ti amo.»

Non si toccavano. Si guardavano e basta. Il loro mondo era rinchiuso in quella stanza e c’erano solo loro, Michael e Robert, Robert e Michael. E nessuno che poteva disturbarli.

«Dillo ancora.»

E lo fece. Lo fece ancora ed ancora, fino a che entrambi non crollarono lì, su quel letto troppo grande, completamente vestiti e sazi di sguardi e parole.


Il giorno dopo si alzarono. Le voci rauche ed i cuori più leggeri.

Si separarono, come tutti i giorni. Ognuno per la sua strada, senza guardarsi negli occhi.

Quel giorno fu quasi sopportabile.

heartbz: (blue)
Citazione:

“Il suo sangue sapeva di fiori e cocaina.”


Canzone:

System of A Down - Lonely Day

« And if you go, I wanna go with you
And if you die, I wanna die with you
»


3 parole:
+ Codice
+ Enigma
+ Luna


Immagine:

heartbz: (blue)
Autrice: heartbreakerz.
Fandom: Teen Wolf.
Coppia: Derek Hale x Stiles Stilinski + Peter Hale x Scott McCall.
Tag: AU, 18+, fluff?
EFP link: link qui.
Titolo: E prenditi per compagno un lupo, dagli occhi brillanti screziati d'azzurro.
Capitolo: 7/?.
Dal testo: La pioggia scrosciante si schiantava sugli edifici e sull'asfalto logoro, mentre due ragazzi bagnati fradici da capo a piedi correvano lungo una via deserta, illuminata solamente dai lampioni, alcuni dei quali erano persino fulminati. Una tenebrosa luna piena indicava loro la strada di casa.
Scott e Stiles, questi erano i nomi dei due ragazzi.




Questo capitolo, arrivato con un po' di ritardo, è stato scritto soprattutto grazie a Brave di Sara Bareilles e Bleeding Out degli Imagine Dragons (più per il ritmo che le parole vere e proprie).
Detto questo, questo capitolo è stato leggermente difficile. Le parti di Peter sono leggermente più crude e dure, perché me li immagino sempre così i suoi pensieri: taglienti e sarcastici. Spero di essere rimasta il più possibile IC!
Per Scott... Be', io e lui abbiamo qualche problema. Spero che non sia venuto così male.
Questo capitolo è lunghetto, più dei precedenti credo. Spero di aver reso al meglio la situazione.

Vi lascio alla lettura!

Luna del coniglio ed altri rimedi. )
heartbz: (blue)

Autrice: heartbreakerz.
Fandom: Teen Wolf.
Coppia: Derek Hale x Stiles Stilinski (+ piccolo accenno Stiles/Jackson)
Tag: AU, 18+, violenza, mpreg, angst.
EFP link: link qui.
Titolo: Di torture e tradimenti.
Capitolo: 5/?.
Dal testo: Le mura di quel sotterraneo erano prive di finestre. L'aria era afosa e sulle loro fronti, sulle fronti di Danny e Stiles, colava una sostanza liquida, un misto di sangue e sudore, che riempiva non solo i loro visi ma i loro interi corpi.
Nessuno dei due sapeva da quanto si trovavano lì sotto. Non avevano orologi, non potevano vedere il sole; l'unico riferimento che avevano era il cambio di turno tra i vari psicopatici che continuavano a tenerli lì, attaccati a quella parete delle torture, con le mani legate e il corpo ormai aperto da ferite che non si sarebbero mai più rimarginate.



La verità che porta alla disperazione. )
heartbz: (blue)


Autrice: heartbreakerz.
Fandom: Teen Wolf.
Coppia: Derek Hale x Stiles Stilinski (+ piccolo accenno Stiles/Jackson)
Tag: AU, 18+, violenza, mpreg, angst.
EFP link: link qui.
Titolo: Di torture e tradimenti.
Capitolo: 4/?.
Dal testo: Le mura di quel sotterraneo erano prive di finestre. L'aria era afosa e sulle loro fronti, sulle fronti di Danny e Stiles, colava una sostanza liquida, un misto di sangue e sudore, che riempiva non solo i loro visi ma i loro interi corpi.
Nessuno dei due sapeva da quanto si trovavano lì sotto. Non avevano orologi, non potevano vedere il sole; l'unico riferimento che avevano era il cambio di turno tra i vari psicopatici che continuavano a tenerli lì, attaccati a quella parete delle torture, con le mani legate e il corpo ormai aperto da ferite che non si sarebbero mai più rimarginate.



Il traditore che porta alla verità. )
heartbz: (blue)

Autrice: heartbreakerz.
Fandom: Teen Wolf.
Coppia: Derek Hale x Stiles Stilinski (+ piccolo accenno Stiles/Jackson)
Tag: AU, 18+, violenza, mpreg, angst.
EFP link: link qui.
Titolo: Di torture e tradimenti.
Capitolo: 3/?.
Dal testo: Le mura di quel sotterraneo erano prive di finestre. L'aria era afosa e sulle loro fronti, sulle fronti di Danny e Stiles, colava una sostanza liquida, un misto di sangue e sudore, che riempiva non solo i loro visi ma i loro interi corpi.
Nessuno dei due sapeva da quanto si trovavano lì sotto. Non avevano orologi, non potevano vedere il sole; l'unico riferimento che avevano era il cambio di turno tra i vari psicopatici che continuavano a tenerli lì, attaccati a quella parete delle torture, con le mani legate e il corpo ormai aperto da ferite che non si sarebbero mai più rimarginate.




La battaglia che porta al traditore. )

Profile

heartbz: (Default)
heartbz

August 2017

S M T W T F S
  12345
678 9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Syndicate

RSS Atom

Style Credit

Expand Cut Tags

No cut tags
Page generated Aug. 21st, 2017 08:10 am
Powered by Dreamwidth Studios